14. giu, 2017

Muoversi per mantenere l‘elasticità

 

Per l’organismo di un anziano, l’attività fisica è di notevole importanza per favorire la flessibilità, la capacità motoria e la correttezza posturale in persone che, per l’avanzata età, sono meno “sciolte” nei movimenti. Risulta, dunque, fondamentale eseguire esercizi adatti e utili al proprio stato di salute e soprattutto non aspettare che sia qualcun altro a imporci i movimenti ma „fare da sè“ piccoli sforzi quotidiani per mantenere autosufficienza e mobilità

L’attività fisica ha molteplici benefici sulla persona anziana: allunga la vita, tiene vivo l’intelletto, aumenta l’attenzione, la capacità critica e la coordinazione, favorisce il buon funzionamento di organi e apparati, migliora la circolazione, rinforza e preserva le articolazioni, modifica la massa corporea ottimizzando la massa magra e riducendo la massa grassa, agisce sull’apparato respiratorio (incrementando la funzionalità dei muscoli respiratori e l’articolarità tra vertebre e coste/sterno e incrementando o mantenendo l’elasticità tissutale dei polmoni), allontana l’evoluzione verso l’ipotrofia muscolare, l’osteoporosi e l’artrosi, ottimizza la funzione del sistema immunitario (contrasta l’insorgere di patologie cardiovascolari, dell’ipertensione e di malattie metaboliche come il diabete), è un ottimo antidepressivo e funge da aggregatore sociale